Sindrome brachicefalica (da Endovet)

SINDROME BRACHICEFALICA.

La sindrome brachicefalica o sindrome ostruttiva delle vie aeree superiori (BAOS) è una condizione patologica che interessa prevalentemente i cani brachicefali e i gatti a muso corto. Le razze canine più colpite sono: Carlino, Bull Dog Inglese, Boule Dogue Francese, Boston Terrier, Pechinese, Cavalier King Charles, Shar-pei e Shih Tzu. Anche le razze brachicefale di taglia grande come il Boxer e Bull Mastiff possono presentare tale sindrome seppur con incidenza inferiore e minore gravità clinica. Le razze colpite dalla BAOS sono state selezionate negli anni privilegiando l’aspetto estetico rispetto a quello funzionale. Attualmente, secondo il nostro parere, tutti i cani appartenenti alle razze sopra elencate sono da considerare “presumibilmente malati”, ed è un atteggiamento pericoloso e superficiale considerare il respiro rumoroso, l’affaticabiilità, il russamento e la sincope come condizioni “normali” o addirittura “ ironicamente folcloristiche” nei cani appartenenti a queste razze. Il compito del veterinario è evidenziare e definire se e in che forma i pazienti siano affetti dalla BAOS. L’obiettivo finale del veterinario è emettere una corretta diagnosi, intraprendere un’adeguata terapia ed, in ultimo, definire una realistica prognosi.

Fisiopatologia

In questi cani si verifica un accrescimento osseo della testa in larghezza, ma non in lunghezza, mentre i tessuti molli non sono ridotti proporzionalmente allo scheletro osseo che li contiene. Questa condizione provoca una serie di anomalie che ostacolano il passaggio dell’aria e conseguenti segni clinici. La sindrome brachicefalica si può rilevare in animali di ogni età, ma nella maggior parte dei lavori retrospettivi l’età media in cui gli animali vengono valutati è tra 3 e 4 anni. Inoltre la BAOS è rilevata più spesso nei maschi che nelle femmine, e in alcuni lavori viene evidenziato anche che i maschi manifestano i segni clinici più gravi.

Le anomalie anatomiche congenite comprendono:

1) stenosi delle narici: restringimento dell’apertura nasale, che appare come una fessura.

2) palato molle allungato ed ispessito

palato-molle-prima

 

 

 

 

 

 

 

3) trachea ipoplasica

Le condizioni acquisite comprendono:

Il collasso laringeo è causato da un’anormale deformabilità e flaccidità delle cartilagini laringee, specialmente delle cartilagini aritenoidi; questa condizione è ritenuta secondaria all’aumentato sforzo inspiratorio causato da stenosi nasale e iperplasia del palato molle Il collasso laringeo è presumibilmente l’anomalia che influenza di più la sintomatologia clinica, la prognosi e la terapia della sindrome brachicefalica. In corso di collasso la diminuita consistenza delle cartilagini aritnoidi esita in un loro avvicinamento in direzione mediale con conseguente riduzione dello spazio laringeo. Il collasso è un’anomalia anatomica e strutturale del laringe ma non è un problema funzionale. La capacità abduttoria ed adduttoria delle cartilagini aritnoidi è normale;

Eversione dei sacculi laringei I sacculi appaiono come strutture cupoliformi bilaterali, di dimensioni variabili, traslucide e rosate, che si muovono in relazione al passaggio dell’aria durante le varie fasi respiratorie. Con l’aumento della frequenza respiratoria durante l’inspirazione i sacculi vengono aspirati medialmente mentre la contrazione dei muscoli cricoaritenoidei ne induce l’abduzione. Il verificarsi di queste forze contrarie determina nel tempo un ammorbidimento patologico delle cartilagini che tendono quindi a collassare medialmente. I soggetti colpiti dalla BAOS possono passare molto rapidamente da uno stato di difficoltà respiratoria sub-clinica, che spesso viene considerata normale dai proprietari, a gravi episodi di dispnea. Questa può insorgere come conseguenza di attività fisiche minime o in concomitanza di una variazione nelle condizioni ambientali come l’aumento della temperatura o la diminuzione (situazioni irrilevanti in cani con normale conformazione delle prime vie respiratorie). Anche l’aumento di peso, frequente in questi soggetti costretti alla sedentarietà, peggiora la capacità respiratoria ed aggrava la sintomatologia clinica. I segni clinici prevalenti sono: respiro rumoroso e stertoroso, russamento grave, tosse, soffocamento, respirazione frequente ed a bocca aperta, sincope, colpi di calore, episodi di collasso e difficoltà ad alimentarsi. Nelle manifestazioni più acute e severe i pazienti possono presentare una grave difficoltà inspiratoria ed espiratoria, con frequenza aumentata, respirazione a bocca aperta, mucose pallide o cianotiche e posizione ortopnoica come zampe dilatate e testa allungata sul collo. In corso di difficoltà respiratoria i segni clinici possono esacerbarsi rapidamente anche semplicemente con un aumento della temperatura od un qualsiasi stimolo eccitatorio o anche solo l’atto di alimentarsi che anzi può esitare in difficoltà nella deglutizione e potenziale ab-ingestis. I segni clinici gastroenterici (disfagia, vomito, diarrea, rigurgito) nei pazienti brachicefali sono negli ultimi anni oggetto di studio ed è ormai consolidata la convinzione che in questi pazienti l’apparato gastroenterico e respiratorio s’influenzino vicendevolmente. Questa situazione provoca un’associazione tra sintomi respiratori e gastroenterici che migliorano curando adeguatamente entrambi gli apparati.

TERAPIA E PROGNOSI

chirurgia-laser

Chirurgia con laser

 

 

 

 

 

 

La terapia della sindrome brachicefalica è essenzialmente di tipo chirurgico. Le anomali come il collasso laringeo sono considerate poco aggredibili con la chirurgia, seppur recentemente alcuni autori hanno eseguito laringoplastiche in pazienti con sintomatologia molto grave. La correzione chirurgica tradizionalmente eseguita comprende: la plastica delle narici, l’accorciamento del palato molle                          ( stafiloplastica) e l’asportazione dei sacculi laringei. Negli ultimi anni sono state utilizzati diversi ausilii per eseguire la stafiloplastica: chirurgia tradizionale, laser a CO2, laser a diodi, elettrobisturi e scalpello armonico. La prognosi dei cani affetti dalla sindrome brachicefalica è legata a molteplici fattori (variabilità di razza, sesso ed età, obesità, presenza di collasso laringeo di grado severo). I quadri con prognosi più severa si riscontrano nei soggetti di età inferiore ai 2 anni, nei soggetti con collasso laringeo di secondo o terzo grado e nei cani di razza Bulldog Inglese. Nella nostra pratica clinica eseguiamo l’esame endoscopico per emettere un’adeguata stadiaizone della BAOS. Inoltre eseguiamo la stafiloplastica mediante una nuova tecnica che utilizza il laser a diodi, rendendo la procedura meno invasiva e con minor disagio possibile per il paziente.

Palato molle dopo

palato-molle-dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *